Mascherine

by
Capiamoci, non sono un medico, né un infermiere, ma qualcosa sulla protezione da sostanze tossiche e agenti patogeni l’ho dovuto studiare (e mettere in atto).
Sono preoccupato a causa dell’uso disinvolto delle mascherine del cavolo che vedo in giro. C’è in circolazione tanta gente che non conosce la differenza fra una mascherina per sé e una per gli altri.

La mascherina “media” che sto vedendo in giro per il Friuli non protegge te dal virus, ma può impedirti di sputacchiare i tuoi virus in faccia agli altri. Il che è lodevole, se sei un asintomatico, ad esempio. Dobbiamo contribuire tutti a ridurre i contagi.

Le maschere adatte a filtrare l’aria non sono quella roba che molti stanno usando. Avessi ancora la maschera che usavo quando travasavo roba tossica e cancerogena in laboratorio, vi farei vedere come mi travesto da Darth Vader. Pensiamoci un attimo, per proteggerci bene da qualcosa che “vola” nell’aria, bisogna filtrare l’aria prima di farla entrare nelle narici. Se la vostra mascherina copre la bocca e il naso alla vista altrui, ma entra aria dai lati, di sicuro non filtra. Al massimo para il colpo quando voi sparate goccioline di saliva parlando. Anche così non è male, fate la vostra parte.
Evitare di sputacchiare inconsapevolmente virus quando si va a fare la spesa mi sembra lodevole e voglio che tutti cerchiamo di comportarci così, anche adottando mascherine che NON sono ideali come dispositivi di protezione individuale. E’ giusto ridurre al minimo la nuvola di goccioline di sputacchio che produciamo parlando, tossendo o starnutendo. E’ importante ricordare: le mascherine tipo velo dell’odalisca proteggono (un po’) gli altri da voi, non proteggono granché voi dagli altri. Se funzionassero non ci sarebbero medici e infermieri ammalati. Quindi usatele, ma non sentitevi troppo al sicuro con quegli stracci in faccia. Distanziate tutti gli altri umani. Se ‘sti altri indossano la mascherina da odalisca, allora potete stare un po’ più sereni, un po’, non del tutto. Tranquilli, la maggior parte di noi sopravviverà, se ci comportiamo bene tutto sarà meno terribile.
Sapete come sono nate quelle mascherine? Un bel giorno i chirurghi si accorsero che se non respiravano sulle ferite aperte dei pazienti, era meno probabile che sviluppassero infezioni post operatorie. Fu una grande conquista: il chirurgo poteva parlare e respirare senza riempire di batteri il corpo aperto del paziente. Queste erano le mascherine chirurgiche, come quelle che vedo in giro.
Le mascherine di protezione per i medici (veri dpi) sono più antiche. Avete presente quelle ridicole maschere con un lungo becco che vediamo nelle stampe d’epoca? Quelle usate dai medici in tempo di peste. Guardate questa pagina di Wikipedia. Bene, la loro illusione era di proteggersi perché credevano che la peste si trasmettesse per via aerea, come il SARS-CoV-2 di questi giorni. Invece no. Quella maschera li avrebbe protetti oggi, ma la peste, o meglio i batteri che la provocano (Yersinia pestis), venivano trasmessi non per via aerea ma dalle pulci. All’epoca l’igiene personale lasciava a desiderare: fare un bagno al giorno e bonificare gli abiti avrebbe protetto quei medici.
Ecco un bell’esempio, l’equipaggiamento di protezione anti peste dei medici era considerato efficace nel ‘600, perché non avevano idea di cosa provocasse la peste! Avevano idee confuse e strampalate, come quelle che leggo sui social o mi arrivano via uozzapp. Il che dimostra, se ce ne fosse bisogno, che diffondere informazioni errate solo perché vi sono arrivate sul telefonino è sbagliato. Non si fa!
La maschera anti peste del ‘600 oggi andrebbe benissimo, in linea di principio, perché questo virus non viene trasmesso da animali vettori, viaggia attraverso l’aria nelle goccioline di saliva e muco che proiettano i malati. Lo so, avete letto che sta malattia viene portata anche dagli animali, ma chi l’ha scritto lo fa per guadagnare click, non ho trovato lo straccio di una prova, cercate le prove in rete se volete. Si trovano tutti gli articoli più recenti sulle ricerche in corso sul CoVi. Chi diffonde notizie false vuole solo fregarci, gode a fare soffrire la gente. Noi siamo più svegli però, vero?

Ora: la mia opinione è che se tutti noi uscissimo a fare la spesa indossando la mascherina “da odalisca”, che ci impedisce di sparare in giro nuvole di virus, o riduce la nuvola, questo migliorerebbe le cose. Anche se funziona poco per proteggere noi stessi. Pensatela così: meno virus che volano è un bel risultato! Meno gente che sputacchia, meno virus in giro.

In rete ci sono video seri e ben fatti su come si indossano e si cavano le maschere di protezione. Guardateli e siate prudenti!

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: