Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Crisi idrica?

giugno 21, 2022

Non è un’emergenza ma una nuova normalità

Si sta gridando da giorni all’emergenza “crisi idrica”, ovvero siccità, ma se non scrivi la parola crisi nessuno ti dà retta. Ci fai due like dagli amici, ma forse non te lo mette nemmeno il tuo cane (cit.).

Detto in termini più tecnici, stiamo vivendo un’annata idrologica con afflussi inferiori alla media degli ultimi decenni nel periodo fra l’autunno 2021 e la primavera 2022. A pesare molto, qui ai piedi delle Alpi (versante meridionale), è la scarsità di neve cumulata nello scorso inverno.

Se andate sul sito dell’OsMeR FVG alla pagina dedicata ai dati climatici, potete scaricare la tabella aggiornata delle precipitazioni cumulate su base decadale per diverse stazioni meteorologiche. Fra queste la celebre stazione di Musi, dove la piovosità media degli ultimi due decenni è sopra i 3000 mm/anno. Ebbene, la media del periodo viene indicata 2001 – 2022, ma dato che ci sono i valori per le decadi 2022 è relativamente facile stabilire la media 2001 – 2021 per ogni decade dalla prima di gennaio a oggi. Il risultato è piuttosto sconfortante.

Nello scorso ventennio, durante le prime 15 decadi dell’anno a Musi sono caduti in media 1260 mm di pioggia. Nel 2022 sono caduti 689 mm.

In questi sei mesi del 2022 mancano all’appello 571 mm rispetto al primo semestre di un anno “medio”. Tradotto in qualcosa di più digeribile, significa che su un chilometro quadrato quest’anno sono caduti 571.000 metri cubi di acqua in meno.

Per me, che sono un idrobiologo e non un opinionista da social, è presto per fare un bilancio. Non ho ancora in mano i dati, ma posso intuire un’estate diversa dal solito: mi aspetto portata dei corsi d’acqua inferiore alle estati scorse, livelli delle falde più bassi. Per chi resta ai margini dei fiumi colpisce soprattutto il fatto che, a fronte di temperature elevate, ci sia scarsa disponibilità di acqua per l’irrigazione delle colture.

Gran parte delle piante coltivate nella nostra pianura hanno esigenze idriche molto superiori alle attuali condizioni e l’estate astronomica inizia solo oggi. Sembra probabile che molte colture non daranno raccolto, in particolare il mais nell’alta pianura friulana, ovvero quella naturalmente arida.

Ho già scritto molte volte delle caratteristiche di questa porzione di pianura e del perché la coltivazione del mais sia stata marginale fino al secondo dopoguerra, quando entrarono in esercizio a pieno regime tutti gli attuali grandi canali della rete irrigua. Quelli che prelevano acqua da Meduna e Tagliamento, affiancati da altri prelievi da Cellina, Colvera, Cosa, Ledra, Torre. Anche l’Isonzo fa la sua parte, ovviamente.

Dato che professionalmente devo valutare lo stato degli ecosistemi acquatici e individuare le misure di gestione a salvaguardia del patrimonio naturale che ospitano, ho iniziato da molti anni a rendermi conto che le cose non stavano andando “come dice il libro”, né come le ricordavo dalla mia infanzia, mentre che meno come se le ricorda mia madre! La verità è che abbiamo assistito a un’evoluzione del clima e a mutamenti molto estesi su tutto il territorio a partire dagli anni 1980′.

Alcuni miei colleghi e molti esperti dell’ultim’ora danno degli idioti a mezzo mondo, io sono più comprensivo. Sto esaminando dati da quando iniziai la tesi di laurea nel 1995, ma quanti possono dire lo stesso? Certo, abbiamo tutti ascoltato le notizie e le grandi dichiarazioni (a vuoto) di politici e ambientalisti, ma la gran parte di noi non ha toccato con mano. Siamo un po’ tutti dei San Tommaso.

Quello che sta accadendo è ormai abbastanza chiaro, almeno dal punto di vista qualitativo: sta cambiando il clima. Ovviamente lo fa come ogni fenomeno naturale, con oscillazioni. Quindi a questa estate calda e secca potrà fare seguito una piovosa e fresca, che ci farà sbuffare perché non potremo andare al mare, poi una “così così”. Ma quelle molto calde e molto secche diventeranno sempre più calde e sempre più secche, inoltre saranno più frequenti rispetto al passato.

A noi cosa importa? Ci importa parecchio. Ad esempio significa non potere prevedere la produzione agricola del prossimo anno. Perché entro certi limiti è possibile compensare la siccità prelevando acqua dai fiumi e irrigando, ma quando questi portano meno acqua di quanta sia necessaria per le colture, il raccolto è perso. E quanta acqua è necessaria non è una costante. Dipende da quanto piove, con quale frequenza e distribuzione dei volumi, oltre che dalla temperatura e dall’irraggiamento solare. Non possiamo prevedere le condizioni meteorologiche per il 2023. Quindi?

Quindi, la cosa più intelligente da fare sarebbe comportarci, in modo moderno, ma come quando i nostri vecchi facevano legna o fieno per l’inverno. Seà par fa fen e fa lens sono attività faticose, che venivano svolte a mano. Non si pensava certo a raccogliere più di quanto fosse necessario, ma raccoglierne meno sarebbe stato tragico. Immaginate di restare senza legna da ardere a marzo. Certo, potete andare a tagliare qualche pianta, ma di solito è legna che brucia male. Peggio ancora, se non aveste raccolto abbastanza fieno, gli animali sarebbero morti di fame. Non c’era mica un bonus salva famiglie con le bestie morte!

Prendendo l’esempio dai nostri vecchi dovremmo pianificare in modo pessimista. Nell’incertezza, ma sapendo che frequentemente ci saranno annate cattive o molto cattive, dovremmo evitare di continuare a comportarci come se tutto fosse rimasto immutato rispetto agli anni ’70 e ’80 del secolo scorso. Questo vale per la scelta delle colture e delle pratiche agronomiche, vale per la gestione dei corpi idrici superficiali e sotterranei.

La nostra attuale gestione dei corpi idrici non è volta a rallentare i deflussi, a trattenere l’acqua che c’è, ma ad accelerare quelli delle acque superficiali, mentre continuiamo l’emungimento delle falde senza tenere conto degli afflussi. Si torna a parlare di costruire dighe e creare invasi in montagna. A parte che una diga richiede alcuni anni di progettazione e costruzione prima di entrare in esercizio, per creare un invaso bisogna scegliere un’area da trasformare in lago temporaneo, sottraendola ad altri usi. La richiesta di creare invasi viene quasi sempre dagli abitanti della pianura asciutta, ma quelli che vivono dove bisognerebbe allagare le valli alpine non sono molto d’accordo. Forse si potrebbe iniziare con l’invertire la tendenza dell’ultimo secolo all’accelerazione dei deflussi.

So bene che qualunque esperto da osteria o social network ritiene che la sicurezza dipenda dalla “pulizia” degli alvei, in modo che l’acqua scorra via veloce senza allagare nulla. Nella frase “scorra via veloce” c’è chiaramente il problema. Scorrere via veloce significa che l’acqua va al mare rapidamente, i fiumi passano dalla piena alla magra in giorni invece che in settimane. Ma significa anche conservare l’energia dell’acqua, ovvero consegnarla a valle con una capacità “distruttiva” che non dovrebbe avere.

Sono quasi due secoli che gestiamo territorio e acqua in un modo che si rivela ogni giorno più inadeguato. In futuro sarà completamente errato e sarà causa di guai sempre più grandi. Credo sia opportuno ripensare alla pianificazione, cercando di portare a casa più fieno possibile, perché del domani non c’è certezza, ma non tornerà tutto per miracolo com’era quarant’anni fa.

CoViD – confronto fra regioni

ottobre 28, 2021

Forse non lo sapete, ma la mia è una famiglia di etnia mista che vive secondo il principio di indeterminazione fra Friuli Venezia Giulia e Sardegna. Per questo motivo mi interesso costantemente a qualunque cosa accada in Sardegna e, nel caso della CoViD, sono particolarmente interessato perché laggiù ho metà famiglia. Mi sono divertito a esaminare i dati relativi al numero di malati ricoverati con sintomi di CoViD-19 e di ricoverati in terapia intensiva, dall’inizio della pandemia a ieri.

Ricoverati con CoViD (elaborato da dati MinSalute)
Ricoverati in terapia intensiva con CoViD (elaborato da dati MinSalute)

L’ampiezza delle oscillazioni la lascio in secondo piano, per il momento, perché la Sardegna e il Friuli Venezia Giulia non hanno la stessa dimensione di popolazione, quindi a parità di incidenza, la Sardegna avrebbe sempre più casi del FVG. Quello che mi colpisce è la diversità nella forma delle linee e lo sfasamento di alcuni picchi. Particolarmente interessante è il “minimo” che si verifica a fine inverno. In termini di numero assoluto il “buco” c’è in entrambe le regioni, ma nel caso dei ricoveri in terapia intensiva, il FVG non ha il buco, mentre la Sardegna si. Letta così, qui in FVG abbiamo avuto relativamente più casi gravi.

Perché? Non lo so, bisogna esaminare i fattori che potrebbero determinare questa distribuzione dei casi, sicuramente non è qualcosa di semplice, per cui non salto alle conclusioni.

Piccola analisi locale dei dati CoViD

ottobre 17, 2021
Malati CoViD ricoverati in FVG a confronto i dati dal 1 settembre al 16 ottobre degli anni 2020 e 2021 (dati Min. Salute)

Ho scaricato i dati dal sito web a cui si accede pubblicamente da questo link. E’ molto interessante. Nel 2021 fino a due giorni fa ci sono stati più ricoverati che nel 2020, ma l’andamento è esattamente l’opposto. Mentre nel 2020 stava partendo l’ondata che ci avrebbe portati a 703 ricoverati il 10 gennaio del 2021, questo autunno sta partendo in discesa e, se tutto continuerà come ora, il numero di ricoverati scenderà ancora. Questo è esattamente lo scenario che ci permette di dire “continuiamo così”, ovvero non renderà necessarie restrizioni come quelle delle famose Zone. In questo momento il FVG è “Zona Bianca” e i ricoverati stanno diminuendo.

Perché siamo partiti da valori più alti? Probabilmente ci sono di mezzo molti fattori diversi. Innanzitutto quando nel 2020 è iniziato tutto i numeri non erano spaventosi. Per essere chiari, nel marzo 2020 siamo partiti con 0 ricoverati e saliti fino a 236, mentre nel marzo 2021 siamo già partiti da 373 ricoverati e saliti fino a 680. Questo significa che col passare del tempo il virus è sempre più diffuso. Nel 2021 però siamo stati un po’ meno attenti. Meno restrizioni durante l’estate, molta meno paura, siamo andati nei locali a bere e mangiare senza indossare la mascherina al tavolo.

D’altro canto, nel 2021 sta aumentando rapidamente il numero dei vaccinati, ovvero di coloro che pur infetti hanno una probabilità molto bassa di essere ricoverati (o peggio). In sostanza, sebbene la temperatura cali, i virus a diffusione aerea si diano da fare (raffreddore e influenza sono provocati da virus che si diffondono come quello della CoViD) la vaccinazione di massa sta funzionando nel tenere basso il numero di ricoverati.

Questo, per quanto mi riguarda, è l’obiettivo da raggiungere. Che circoli pure il virus, l’importante è che gli ospedali siano sottoposti a un carico basso. Perché il personale che lavora coi casi CoViD non può lavorare con gli altri e il numero di malati per altre malattie non diminuisce certo. Ci servono posti liberi per infarti, ictus, incidenti vari, cancro, operazioni di ogni genere. Più ricoverati CoViD ci sono e più è probabile che i malati con altre patologie non possano essere curati.

Specie!

agosto 2, 2021

Recentemente leggo spesso sui mezzi di disinformazione di massa l’espressione “razza umana”, altre volte “genere umano”.

In biologia il termine razza per designare un gruppo di individui non esiste. Non c’è proprio, non è che sia desueto o usato altrimenti. La razza è un animale, per la precisione un pesce della Classe Chondrichthyes (pesci cartilaginei) e all’Ordine Rajiformes.

Il genere è una delle categorie usate in tassonomia. Nel nostro caso, “genere umano”, è meno intollerabile come espressione rispetto a “razza umana”, perché esiste il Genere Homo, cui apparteniamo. Nell’ambito di questo Genere c’è una sola Specie vivente, che è diffusa su tutto il pianeta con un’unica Sottospecie: Homo sapiens sapiens.

Razza è un termine usato in zootecnia, per indicare fenotipi ben caratterizzati di gruppi di individui della stessa specie. Ad esempio, nell’ambito di Canis lupus familiaris (Sottospecie del Canis lupus) un Irish Wolfhound è nettamente diverso da un Carlino.

In passato si usava il termine razza anche per indicare metapopolazioni umane con fenotipi ben distinti fra loro. È piuttosto evidente la differenza fra me e un aborigeno australiano, o un mongolo. Tuttavia, non trattandosi di zootecnia, è stato osservato come le popolazioni di Homo sapiens sapiens con fenotipi molto diversi fra loro siano geneticamente molto simili.

Considerate che circa 60.000 anni fa i nostri antenati erano pochissimi e tutti concentrati in una zona ristretta dell’Africa. È vero che 60.000 anni siano sufficienti per trasformare un africano in uno scandinavo dalla carnagione color mozzarella ma, a parte la melanina, alcuni caratteri secondari come il mantello (peli e capelli), il metabolismo da freddo o le inserzioni di alcuni muscoli, siamo fondamentalmente una Sottospecie abbastanza uniforme. Per lo meno, è dimostrato che, contrariamente alle convinzioni dei suprematisti bianchi, non c’è differenza nelle capacità intellettive di un caucasico, un africano, un asiatico o un americano. Per “americani” intendo quelli che scoprirono e colonizzarono l’America circa 25.000 anni fa, senza nemmeno sognarsi di chiamarla America, visto che il signor Vespucci non sarebbe venuto al mondo prima di diverse decine di secoli.

Io una volta ho vomitato

giugno 5, 2021

La necessità di dire qualcosa, qualunque cosa, anche se non si ha la più pallida idea di cosa potere dire

C’è una scena stupenda nel film a cartoni animati L’Era Glaciale 2. Il mammut Manny racconta una storia a un gruppetto di “cuccioli” di varie specie di mammiferi simil-pleistocenici. Terminata la storia i piccoli fanno una serie di osservazioni critiche, impertinenti ed esilaranti, fino a quando ne rimane uno che non ha ancora detto nulla. Non volendo essere da meno rispetto ai suoi amici il piccoletto prende la parola, ma dato che non sa cosa dire sulla storia appena ascoltata, dice “io una volta ho vomitato!”.

Voi direte: non c’entra niente.

Appunto, non è adorabile?

Quella scena del film riproduce qualcosa che fa parte della nostra esperienza comune, o dovrebbe esserlo. Insomma lo sarebbe se prestassimo sempre attenzione a ciò che dicono e scrivono gli altri.

Osservo questo tipo di eventi frequentando alcuni gruppi nell’ambito del social network Facebook. O per lo meno me ne accorgo in quei gruppi, perché si parla di materie in cui ho delle nozioni piuttosto solide. Parlo di gruppi dove si fanno domande e si “raccontano cose” legate alle Scienze Naturali. Capita spesso che qualcuno posti la foto di una pianta, o un animale, chiedendo “sapete dirmi cos’è?”.

(more…)